mar
30
2019

Garante Privacy: OK uso dati per cure senza consenso pazienti

I medici potranno trattare i dati dei pazienti per finalità di cura senza dover richiedere il loro consenso, ma dovranno comunque fornire loro informazioni complete sull’uso dei dati. Il medico che opera come libero professionista non è tenuto a nominare il responsabile della protezione dati; tutti gli operatori del settore dovranno tenere un registro dei trattamenti dei dati. Questi i principali chiarimenti forniti dal Garante della privacy a cittadini, medici, Asl e soggetti privati, sulle novità introdotte in ambito sanitario dal Regolamento Ue in materia di protezione dei dati e dalla normativa nazionale.

Il provvedimento generale, adottato dall’Autorità, intende favorire un’interpretazione uniforme della nuova disciplina, ancora in fase transitoria, e supportare gli operatori con informazioni utili alla sua corretta attuazione. Il Garante ha chiarito, ad esempio, che il professionista sanitario, come il medico, soggetto al segreto professionale non deve più richiedere il consenso per i trattamenti di dati necessari alla prestazione sanitaria.

E’ invece richiesto il consenso o una differente base giuridica quando tali trattamenti non sono strettamente necessari per le finalità di cura, anche quando sono effettuati da professionisti della sanità. Ne sono un esempio i trattamenti di dati sulla salute connessi all’uso di app mediche, ad eccezione di quelle per la telemedicina, quelli effettuati per la fidelizzazione della clientela come quelli praticati da alcune farmacie o parafarmacie, oppure per finalità promozionali, commerciali o elettorali.

Fonte Adnkronos

Shoutbox

RIFIUTI SPECIALI SANITARI CONVENZIONE FIMMG – PROMOSERVICE

E’ stato stipulato un accordo con la PROMOSERVICE per lo smaltimento dei Rifiuti Speciali Sanitari.

Nelle news riservate i particolari e le modalità con l’allegato per la sottoscrizione..