set
13
2019

Modifiche riguardanti la Prescrizione dei Presidi per l’Incontinenza Urinaria

Gentilissimo Direttore Sanitario,

molti medici di alcune ASL hanno ricevuto mail nelle quali si comunica che, a seguito di una convenzione stipulata con un’azienda fornitrice di presidi per l’incontinenza urinaria, dovrebbero essere compilati moduli indicanti la tipologia , la misura, la quantità dei presidi prescritti e, verosimilmente, anche una differente impostazione della ricetta rispetto a quanto sino ad oggi attuato e cioè una semplice e rapida richiesta di fornitura di presidi per l’incontinenza urinaria in pazienti allettati e con incontinenza stabilizzata.

Premesso che tutto ciò non è dovuto, né in base all’ ACN né dagli accordi previsti nell’ AIR, tali disposizioni vengono comunicate senza alcuna condivisione e per iniziativa di privati, senza che la classe medica e i rispettivi organi sindacali ne siano stati informati, ponendo i medici di fronte ad un accordo stipulato direttamente con l’azienda fornitrice e con nuove modalità di prescrizione che rappresenteranno un notevole aggravio del lavoro burocratico, già di per sé pesantissimo per la classe medica.

Si fa pertanto gentile richiesta di un comitato regionale sull’argomento, al fine di verificare la fattibilità e gli eventuali aggiustamenti che possano rendersi necessari per ottemperare a quanto richiesto.

Nel frattempo si in forma che non si potrà, a far data dal 1 ottobre, come indicato nelle mail ricevute, né in seguito in assenza di un chiarimento, ottemperare a quanto richiesto.

In attesa di un cortese cenno di riscontro, si porgono distinti saluti.

Dott. Francesco Saturnino Unali
Segretario Provinciale FIMMG Sassari

Shoutbox

INCREMENTO DELL’ALIQUOTA

MODULARE ENPAM ENTRO

IL 31 GENNAIO